Procedura di autorizzazione per l’emissione deliberata nell’ambiente di OGM secondo il Titolo II del D.L.vo n. 224/2003

In Italia la procedura di autorizzazione per l’emissione deliberata nell’ambiente di OGM ai fini sperimentali si articola in tre fasi:

  • una prima fase di istruttoria preliminare: chiunque voglia effettuare un‘emissione deliberata nell’ambiente a fini sperimentali di un OGM deve presentare una notifica all’ANC. La notifica comprenderà un fascicolo tecnico contenente tutte le informazioni previste dall'Allegato III del Decreto Legislativo 8 luglio 2003 n. 224 e necessarie per valutare il rischio ambientale connesso all'emissione deliberata dell’OGM. L’ANC, ricevuta la notifica, entro 15 giorni effettua l’istruttoria preliminare, invia una sintesi di quest’ultima alla Commissione europea e avvia la consultazione pubblica pubblicando la sintesi della notifica sulla BCH italiana. Inoltre, l'ANC trasmette copia della notifica al Ministero della Salute, al Ministero e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, all’ Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale (ISPRA), ad ogni Regione e Provincia autonoma interessata;
  • una seconda fase dedicata alla consultazione pubblica: l’ANC provvede ad effettuare la consultazione pubblica garantendo l’accesso alle informazioni riguardanti la notifica e raccoglie tutte le osservazioni eventualmente pervenute durante la consultazione. La documentazione resta disponibile per un periodo di 30 giorni sul sito della BCH italiana;
  • una terza fase in cui l’ANC rilascia l’autorizzazione o il diniego all’emissione deliberata dell'OGM: entro 75 giorni dalla conclusione della consultazione pubblica l’ANC, sentiti i Ministeri interessati, rilascia al notificante l’autorizzazione scritta all’emissione, precisandone le condizioni e provvedendo a darne comunicazione alle Regioni e alle Province autonome interessate, o in caso di diniego, comunica al notificante, per iscritto, le motivazioni. La durata complessiva della procedura di autorizzazione è di 120 giorni.

224 titolo II